Se ne sente parlare sempre più spesso, ma sappiamo veramente cosa significa ‘approccio olistico’?

Partiamo dalla definizione: il termine olismo proviene dal greco όλοςolos, che significa “totalità”. L’approccio olistico riguarda quindi un orientamento globale verso il nostro benessere, che mette insieme non solo il corpo ma anche la mente. Il primo passaggio verso questa visione deve però partire da noi stesse: siamo noi che dobbiamo diventare consapevoli che le connessioni tra mente e corpo esistono e influenzano la qualità della nostra esistenza. Capiamo bene che secondo questa ‘filosofia’ non siamo più parti sconnesse che vanno trattate singolarmente. Il nostro benessere, come esseri umani, è considerato nella sua interezza, tenendo conto sia del nostro stato emotivo sia dei sintomi esterni forniti dal nostro corpo. Allo stesso tempo non si parla più di cura, ma di riequilibrio: se la nostra parte interiore ed esteriore non sono allineate, non stiamo bene, non siamo felici e non esprimiamo a pieno le nostre potenzialità.

 

Come metterlo in pratica

 

Per mettere in pratica l’approccio olistico, dobbiamo considerarci nella nostra interezza: la dimensione fisica, mentale, energetica e spirituale sono tutte strettamente connesse e la disfunzione di una, ha una ricaduta su tutte le altre. Ecco perché per prima cosa ti consigliamo di ascoltarti: prenderci un momento per sentirci veramente, per ascoltare i segnali che ci arrivano. E’ una prima importante auto-diagnosi che possiamo fare, per poi decidere quali scelte prendere per ritrovare il nostro equilibrio. Infatti, è fondamentale la naturale capacità del corpo di spingersi verso l’autoguarigione: per questo il primo passaggio è la consapevolezza, per essere coscienti del problema e mettere in moto le energie per risolverlo.

 

Da parte mia, come donna e professionista nel (pazzo) mondo della comunicazione, posso dirvi che l’approccio olistico mi ha davvero cambiato la vita. Avete presente la calcolata razionalità? Ecco! Quella ero io. Convinta che se il corpo era malato, andava semplicemente curato con una medicina. E invece quando ho cominciato ad associare dei messaggi corporei con dei momenti precisi nella mia vita, ho aperto gli occhi e mi sono resa conto sempre di più di quanto le circostanze esterne, la società e il mio equilibrio interiore, influenzassero il mio benessere fisico. I momenti di stress lavorativo mi provocavano reazioni cutanee che non si decidevano a scomparire.

Aveva senso continuare a curarle con medicine?

Quando ho iniziato ad ascoltarmi, ho capito che prima dovevo decidere di affrontare quello stress, identificarne le cause e provare a controllare la reazione negativa che poi si sarebbe sfogata sulla pelle.

 

Per metterlo in pratica ci si affida alla medicina olistica. Questa definizione integra al suo interno differenti tradizioni terapeutiche passate e presenti, moltissime tecniche, soluzioni terapeutiche e visioni del mondo, tutte comunque accomunate dalla certezza che esiste un’unità di coscienza che deriva dalla somma di differenti piani (mentale, spirituale, ecc..), orientata verso un unico equilibrio psicoenergetico che, se alterato, genera malattia e dolore.

 

Si parla, infatti, di terapie somatiche, che lavorano in prevalenza sul corpo fisico come l’osteopatia o la dietetica; oppure di terapie emozionali quando si sceglie di adottare le tecniche della bioenergetica o il rebirthing; ma anche di terapie energetiche, che curano attraverso l’energia, come l’agopuntura o l’omeopatia. Tutte queste pratiche – insieme a molte altre – possono rientrare nell’approccio olistico: sta a noi trovare quella che più ci riporta ad uno stato di benessere globale. Confrontarci con un operatore olistico qualificato, può aiutare a orientarci in questo universo affascinante e profondo, che ci permette di riconnetterci con la totalità di noi stesse.

Evento Sophia 2016: il benessere di mente e corpo si incontrano

 

L’evento Sophia 2016 nasce proprio con questo scopo, quello di ritrovare l’armonia con noi stesse. Il tema centrale dell’evento è la riscoperta del benessere nel nostro corpo e la migliore conoscenza di noi stesse per risplendere come Donne e poi come madri, figlie, sorelle, amiche. Il 25 settembre durante Sophia, tutte le donne come noi possono essere accompagnate da altre meravigliose Donne verso la propria rinascita interiore ed esteriore: un evento olistico, dove cuore e manualità s’incontrano perché niente è separato dall’universo. Tutto ha un’anima.

Articoli recenti

Scorri tra le categorie

A Sophia 2016 saranno tante le occasioni per ogni Donna di esprimere tutti i propri talenti e capacità esprimendo tutta la sua bellezza interiore e sensibilità.

Sophia è la divinità interiore della donna che la guida verso trasformazioni sempre più alte.

 

Vi aspettiamo tutte a braccia aperte!

Selene Cassetta

cell. 348 7457849

mail. selene.cassetta@gmail.com

blog: www.viaggiosostenibile.com

RELATED POST

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code